NEWS

  • Corso Regolamento Edilizio Tipo (RET), Bari 06 Luglio 2017

    Con il contributo incondizionato di

     

     

    La Regione Puglia, prima regione italiana, ha recepito entro il termine dei 180 giorni (quindi entro il 18 aprile 2017) previsto dall'Intesa del 20 ottobre 2016 tra il Governo, le Regioni e i Comuni raggiunta in sede di Conferenza Unificata, il regolamento edilizio tipo di cui all'art.4, comma 1-sexies del dPR 380/2001.

    (Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo, le Regioni e i Comuni concernente l'adozione del regolamento edilizio-tipo di cui all'articolo 4, comma 1-sexies del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380. (Rep. Atti n. 125/CU). (16A08003) (GU Serie Generale n.268 del 16-11-2016)

    La delibera di recepimento Del. G.R. 554/2017 (BURP del 26 aprile 2017) è stata successivamente integrata con la Del. G.R. 648 del 04/05/2017, con cui si sono meglio definiti i tempi di recepimento dei Comuni e le corrette interpretazioni di alcune definizioni.

    La Deliberazione regionale prevede, oltre il recepimento del RET anche il recepimento nel territorio della Regione Puglia delle 42 "Definizioni uniformi"(valide per l’intero territorio nazionale ) e della "Ricognizione delle disposizioni statali incidenti sugli usi e le trasformazioni del territorio e sull’attività edilizia".

    Non solo: l'adeguamento prevede altresì la ricognizione delle disposizioni statali incidenti sugli usi e le trasformazioni del territorio e sull’attività edilizia delle disposizioni regionali in materia edilizia, la ricognizione delle analoghe disposizioni regionali e l'adeguamento da parte dei comuni dei propri regolamenti edilizi entro centottanta giorni a decorrere dalla pubblicazione della presente deliberazione sul sito internet regionale.

    Nello specifico, fino al 25 luglio 2017 è consentito presentare le pratiche edilizie conformi alle vecchie norme e gli interventi muniti di titolo edilizio efficace entro il 23 ottobre 2017 (180 giorni dal 26 aprile 2017, data di pubblicazione sul BURP della DGR 554/2017) potranno comunque essere realizzati in conformità al titolo medesimo.

    Il corso si articola in due fasi principali:

    1) studio del Regolamento Edilizio Tipo , delle 42 "Definizioni uniformi”,  della "Ricognizione delle disposizioni statali incidenti sugli usi e le trasformazioni del territorio e sull’attività edilizia"

    2) Illustrazione delle modalità di recepimento comunale delle Delibere di Giunta Regionale Del. G.R. 554/2017 (BURP del 26 aprile 2017) e successiva Del. G.R. 648 del 04/05/2017;

  • BARI, 27 GIUGNO 2017: "LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO NEL DECRETO LEGISLATIVO DEFINITIVAMENTE APPROVATO DAL GOVERNO IL 19 MAGGIO 2017"

    Il 19 maggio u.s. il Governo ha definitivamente approvato il decreto legislativo di riforma del lavoro pubblico, previsto dall’art. 17 della legge delega n. 124/2015, che ora attende solamente la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica per iniziare a produrre i propri effetti. Le novità sono veramente tante e di notevole rilievo, atteso che il sistema revisionale del lavoro alle dipendenze dell’amministrazione pubblica tocca il nuovo regime del piano dei fabbisogni, i rapporti di lavoro flessibile, le assunzioni, le procedure concorsuali, le stabilizzazioni e la reintroduzione delle progressioni verticali, oltre ad un affondo su tutta la procedura disciplinare che viene profondamente rivista. La giornata d’incontro, quindi, intende offrire un primo confronto su di un assetto normativo complesso ed articolato, il quale metterà a dura prova, ancora una volta, gli operatori delle risorse umane chiamati ad applicarlo.

  • Il Decreto SCIA 2

    Con il contributo incondizionato di

     

     

    Il decreto SCIA 2 (dlgs n. 222 del 25 novembre 2016) che, in attuazione della legge delega 124/2015, ha introdotto importanti semplificazioni in materia edilizia (DPR 380/2001). Il testo è entrato in vigore l’11 dicembre 2016. Tra le principali novità:  il riassetto dei titoli edilizi  l’ampliamento degli interventi in edilizia libera  individuate nuove attività rientranti nell’ambito della SCIA  l’introduzione della tabella unica nazionale con tipologia di intervento e corretto titolo abilitativo  la segnalazione certificata di agibilità al posto del certificato di agibilità Il testo stabilisce, inoltre, che i Comuni forniranno gratuitamente la necessaria attività di consulenza funzionale all’istruttoria. Questo significa che i tecnici incaricati di elaborare un progetto potranno preventivamente chiedere al Comune un’interpretazione delle norme vigenti, in modo da non incorrere in bocciature e divieti successivi. Una volta ottenuta la risposta dagli uffici preposti, i progettisti dovrebbero poter presentare la Scia e avviare i lavori senza temere che il cantiere venga fermato. In base al decreto, le Regioni e gli Enti locali avranno tempo fino al 30 giugno 2017 per adeguarsi alle nuove disposizioni. In alcuni casi potranno apportare delle modifiche alle procedure. Inoltre, con l’Accordo del 4 maggio 2017 tra Governo, Regioni ed enti locali, siglato in Conferenza Unificata, è stata raggiunta l’intesa sui nuovi moduli unificati e standardizzati per comunicazioni e istanze nei settori dell'edilizia e delle attività commerciali. La modulistica per i titoli abilitativi edilizi (CILA, SCIA e SCIA alternativa al permesso di costruire, CIL per opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee, Comunicazione di fine lavori) è stata adeguata alle novità introdotte al Dlgs 126/2016 e Dlgs 222/2016. Inoltre, è stata adottata la modulistica per la SCIA ai fini dell’agibilità, che, secondo il Governo, consentirà di eliminare i circa 150.000 certificati di agibilità che ogni anno sono rilasciati in Italia. I nuovi moduli unici per l’edilizia saranno operativi dal 30 giugno 2017. Potranno subire degli aggiustamenti per adeguarsi a delle specifiche esigenze locali, ma in questo caso le Regioni dovranno completare i lavori entro il 20 giugno 2017. L’articolo 2 del Dlgs 126/ 2016 prevede specifici divieti e sanzioni per i Comuni che non si adeguano: la mancata pubblicazione sul sito istituzionale dei moduli entro il 30 giugno costituirà illecito disciplinare punibile con la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da tre giorni a sei mesi. Anche la richiesta d’informazioni e documenti non corrispondenti a quelli pubblicati sul sito istituzionale costituisce illecito disciplinare. Per preparasi adeguatamente ai nuovi regimi edilizi il corso sarà effettuato in due parti: 1) studio e approfondimento del decreto SCIA 2 (dlgs n. 222 del 25 novembre 2016); comparazione tra il DPR 380/2001 prima e dopo il Decreto SCIA 2. 2) illustrazione e approfondimento dei nuovi moduli unificati e standardizzati per comunicazioni e istanze nei settori dell'edilizia;

  • Bari, 03 LUGLIO 2017: La riscossione coattiva delle entrate locali dopo la soppressione di Equitalia

    L'iniziativa si propone di esaminare in maniera organica le ultime novità in materia di risco

  • Bari, 27 Giugno 2017 - Riforma delle autonomie, sistema di controlli, competenze della Corte dei conti e nuove forme di responsabilità amministrativa con particolare riferimento ai revisori contabili

    Il sistema dei controlli interni, che riveste un ruolo essenziale nel contesto della riforma delle Autonomie locali, è stato oggetto, negli ultimi anni, di profonde modificazioni.

    In ultimo, il D.L. 10 ottobre 2012, n.174, così come convertito nella Legge 7 dicembre 2012,n.213, ha imposto agli Enti locali di organizzare un sistema di controlli rafforzato rispetto al passato e strutturato su nuovi criteri e modalità, in cui risultano ridefiniti gli organi esercenti attività di controllo.

    La giornata di studio si propone di fornire un quadro sistematico del nuovo scenario, illustrando, in particolare, il rapporto tra organi di indirizzo politico e di controllo e apparato gestionale, con particolare riferimento al ruolo, alle competenze e alle responsabilità dei revisori contabili alla luce, altresì, delle nuove forme di responsabilità sanzionatoria introdotte dal legislatore e di natura pretoria.

  • WORKSHOP IN PNL BIOETICA AZIENDALE - MIGLIORAMENTO PERFORMANCE AZIENDALI E GESTIONE DELLO STRESS

     

     

    Cosa è un gruppo di lavoro? Quali sono i COMPORTAMENTI CONDIVISI che rendono un gruppo di persone un Team affiatato? Quali vantaggi può trarre un gruppo che viaggia sulla stessa “lunghezza d'onda” in termini di diminuzione del RISCHIO di STRESS da LAVORO CORRELATO?

    La valutazione del rischio, così come prevista dal D.Lgs. 81/08, va intesa come l’insieme di tutte quelle operazioni, conoscitive ed operative, che devono essere attuate per pervenire ad una “stima” del rischio di esposizione a fattori di pericolo per la sicurezza e la salute dei lavoratori, in relazione alla tipologia di impiego

    In generale i rischi lavorativi possono essere divisi in rischi per la sicurezza, rischi per la salute e rischi trasversali o psicosociali.

    I rischi trasversali sono stati così definiti appunto perché una disfunzione nelle interazioni di tipo ergonomico, organizzativo e psicologico può produrre danni sia per la salute che per la sicurezza.

    Lavorare in condizioni di disagio e stress può infatti avere un ruolo rilevante quanto meno come concausa di danni alla salute.

    Pertanto, lo stress da lavoro correlato è una condizione, accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche, psicologiche o sociali, che scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste, o di non essere all’altezza delle aspettative.

    Lo stress non è una malattia, ma un’esposizione prolungata ad esso può ridurre l’efficienza nel lavoro e può causare malattie. Lo stress da lavoro può essere causato da fattori diversi, come ad esempio il contenuto del lavoro, la sua organizzazione, l’ambiente, la scarsa comunicazione, l'incapacità di sopportare un certo tipo di Leadership.