NEWS

  • Workshop in Comunicazione e PNL BioETICA Aziendale. Il miglioramento delle PERFORMANCE AZIENDALI per il TEAMBUILDING e la diminuzione del RISCHIO di stress da LAVORO CORRELATO.

     

     

    Cosa è un gruppo di lavoro? Quali sono i COMPORTAMENTI CONDIVISI che rendono un gruppo di persone un Team affiatato? Quali vantaggi può trarre un gruppo che viaggia sulla stessa “lunghezza d'onda” in termini di diminuzione del RISCHIO di STRESS da LAVORO CORRELATO?

    La valutazione del rischio, così come prevista dal D.Lgs. 81/08, va intesa come l’insieme di tutte quelle operazioni, conoscitive ed operative, che devono essere attuate per pervenire ad una “stima” del rischio di esposizione a fattori di pericolo per la sicurezza e la salute dei lavoratori, in relazione alla tipologia di impiego

    In generale i rischi lavorativi possono essere divisi in rischi per la sicurezza, rischi per la salute e rischi trasversali o psicosociali.

    I rischi trasversali sono stati così definiti appunto perché una disfunzione nelle interazioni di tipo ergonomico, organizzativo e psicologico può produrre danni sia per la salute che per la sicurezza.

    Lavorare in condizioni di disagio e stress può infatti avere un ruolo rilevante quanto meno come concausa di danni alla salute.

    Pertanto, lo stress da lavoro correlato è una condizione, accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche, psicologiche o sociali, che scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste, o di non essere all’altezza delle aspettative.

    Lo stress non è una malattia, ma un’esposizione prolungata ad esso può ridurre l’efficienza nel lavoro e può causare malattie. Lo stress da lavoro può essere causato da fattori diversi, come ad esempio il contenuto del lavoro, la sua organizzazione, l’ambiente, la scarsa comunicazione, l'incapacità di sopportare un certo tipo di Leadership.

     

     

  • Bari, Febbraio 2017: "La contabilità armonizzata degli Enti Locali: aspetti finanziari, economici e patrimoniali"

    Il presente corso di formazione verte sul confronto teorico pratico volto al consolidamento della propria consapevolezza contabile in ambito economico patrimoniale.
    In particolare la presente attività formativa è rivolta ai funzionari ed applicati che materialmente dovranno affrontare dal primo gennaio 2016 tale problematica con la presentazione in primis di cosa si intenda per contabilità economico patrimoniale, “ Partita doppia” e “ Partita semplice”, esemplificazioni di scritture base e complesse da svolgere sotto forma di brainstorming, l’analisi dei principi contabili propri della nuova contabilità, l’analisi approfondita del piano dei conti integrato con particolare attenzione all’aggettivo integrato e dei nuovi schemi di bilancio.

  • Bari, 9 Marzo 2017: " La rendicontazione dei progetti finanziati"

     

    L’impiego di fondi comunitari è attualmente la strada principale percorsa da Enti Pubblici e privati, così come da liberi professionisti, Associazioni ed Istituti per il finanziamento di progetti finalizzati alla crescita e allo sviluppo degli stessi. Alla luce degli onerosi costi richiesti nell’avvio di progetti e dell’impossibilità per gli Enti di finanziare autonomamente opere  di interesse per la collettività, i fondi comunitari rappresentano un’opportunità indiscussa.
    In virtù dell’applicazione del principio della sana gestione finanziaria, tutti i progetti finanziati dai fondi comunitari sono sottoposti ad un diversificato e rigoroso sistema di gestione e controllo delle spese al fine di garantire il corretto utilizzo delle risorse.
    Data la rilevanza che questi fondi assumono risulta indispensabile conoscere nel dettaglio sia le normative che disciplinano la rendicontazione sia  il sistema e le procedure di controllo sugli Enti beneficiari,  per evitare il rischio di incorrere in errori e omissioni che potrebbero comportare la revoca del finanziamento stesso.
    Il corso sulla “Rendicontazione dei progetti finanziati” si propone come strumento di informazione e formazione a 360° finalizzato al corretto rispetto delle normative in materia di rendicontazione e a prevenire la perdita di finanziamenti per mancata e/o insufficiente conoscenza delle procedure richieste nonché per inadempienze in materia comunitaria da parte dell’Ente richiedente o

  • Bari, 8 Marzo 2017: "Nomina, ruolo e compiti del Responsabile del Procedimento. Il Direttore dell'esecuzione del contratto".

    NOMINA, RUOLO E COMPITI DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO.

    Il direttore dell'esecuzione del contratto: modalità di svolgimento delle funzioni di coordinamento, direzione e controllo tecnico-contabile.
    Il subappalto, gli incentivi per le funzioni tecniche, fallimento, varianti.

  • Bari, Aprile 2017 : "Il Soccorso istruttorio. Sistemi AVCPASS - SIMOG/ La Banca dati degli operatori economici negli acquisti sotto soglia comunitaria"

    Premessa. La scomparsa delle procedure in economia. Ambito di applicazione. Principi comuni. L’affidamento e l’esecuzione di lavori, servizi e forniture importo inferiore a 40.000,00 euro: a) il rispetto del principio di rotazione e in modo da assicurare l'effettiva possibilità di partecipazione delle microimprese, piccole e medie imprese: b) affidamenti diretti e obblighi di motivazione; c) l’amministrazione diretta.